Diffusori di aromi a ultrasuoni: migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni

Il profumo è una gradevole esalazione prodotta da un elemento naturale o artificiale. Il profumo può essere emanato da elementi  naturali come i fiori per esempio, oppure da essenze odorose artificiali. Un condimento o un profumo sono sostanze dall’odore buono e penetrante, e possono essere definiti aromi. L‘olio essenziale è una preparazione fitoterapica che deriva dall’estrazione di materiale vegetale di un’erba o di una pianta aromatica. La materia vegetale si può usare fresca o essiccata per la produzione degli oli essenziali.

In questo articolo parleremo dei diffusori di aromi a ultrasuoni, ma per entrare al meglio nell’argomento entreremo nel mondo degli aromi, dell’aromaterapia e delle piante, e infine scopriremo insieme i migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni.

La nostra selezione di diffusori per ambienti

(per informazioni e prezzi visita il sito amazon.it)

I diffusori di aromi

I diffusori sono piccoli apparecchi che spargono nell’aria l’essenza di un olio. Con un diffusore di aromi si possono sfruttare al meglio i benefici delle esalazioni degli oli essenziali. Con un diffusore l’aria sarà più fresca e pulita. In commercio esistono vari tipi di diffusore per aromi. Il diffusore a candela e il vaporizzatore elettrico. Entrambi sfruttano il calore per l’evaporazione dell’olio essenziale. Nel caso del diffusore a candela, il fuoco scalda il bruciatore dove ci sono le gocce di olio essenziale. Il vaporizzatore elettrico invece sfrutta una serpentina che scalda l’olio o la miscela di acqua e olio.

 Il diffusore di aromi a candela

Il diffusore a candela è un oggetto in genere di ceramica formato da una superficie superiore su cui mettere le gocce do olio essenziale. In basso c’è uno spazio destinato alla candela. La fiamma della candela genera calore e surriscalda la superficie appena soprastante contenente le gocce di olio essenziale. Questo sistema è il meno consigliato perché la fiamma della candela non è regolabile, ci deve essere una giusta temperatura perché gli oli brucino bene. Solo così potranno sprigionare tutto il loro aroma e potranno essere efficaci nei trattamenti. In realtà un olio bruciato ad alta temperatura può addirittura essere tossico. In più non dimentichiamo il fattore della sicurezza. Un fuoco acceso in casa, se pur di una candela, potenzialmente può provocare incidenti.

I diffusori di aromi elettrici

Ci sono vari tipi di diffusori di aromi elettrici: diffusori ad ultrasuoni a freddo, a nebulizzazione a secco, a calore dolce e a ventilazione.

  • Il diffusore di aromi ad ultrasuoni a freddo

Questo tipo di diffusore è il più usato. Il serbatoio di questo apparecchio contiene una miscela di olio essenziale e acqua. La miscela contenuta nel serbatoio si trasforma in una leggera nebbiolina attraverso forti vibrazioni prodotte da una pallina di ceramica. il diffusore spruzza delicatamente questa nebbiolina nell’aria. In questo modo il diffusore potrà restare acceso anche durante la notte.

  • Il nebulizzatore di essenze a secco

Un sistema a pompa spara a pressione un forte flusso d’aria mixata a milioni di molecole di olio essenziale.

  • Il vaporizzatore a calore dolce

Un ventilatore sparge nell’aria il vapore generato da una serpentina regolabile che mantiene il calore costante a 45°.

il diffusore di oli essenziali a ultrasuoni

Il diffusore di aromi a ultrasuoni è un vaporizzatore elettrico che produce vapore acqueo emettendo forti vibrazioni. In realtà il congegno è formato da una piccola cache in cui c’è una pallina di ceramica che si muove. Toccando la superficie di una piastrina questa pallina emette delle vibrazioni a frequenze molto alte che fanno sì che l’acqua evapori. L’acqua sta nel serbatoio del diffusore, ed è miscelata insieme all’olio essenziale.

La conseguenza è che nel processo di nebulizzazione verranno sprigionate le molecole degli oli essenziali insieme al vapore. In questo modo gli oli essenziali possono entrare direttamente negli alveoli polmonari.

La cosa interessante è che il processo di vaporizzazione non viene generato dal calore, ma da frequenze che muovono l’acqua creando delle bolle. Queste bolle quando scoppiano generano vapore acqueo freddo.

Il modo migliore per diffondere un olio essenziale è senza dubbio quello a freddo.

Quando usare un diffusore di aromi a ultrasuoni?

Il nostro consiglio è quello di optare in ogni caso per un diffusore di aromi ad ultrasuoni. Questo oggetto sarà di certo benefico per la nostra salute e ci consentirà di respirare meglio.

Quali sono i benefici dell’utilizzo di un depuratore di aromi a ultrasuoni?

Gli ultrasuoni ridurranno le micropolveri attraverso la ionizzazione prodotta dalle frequenze emesse. Un diffusore di aromi a ultrasuoni è ideale per depurare stanze che sono state chiusi per molto tempo. Oppure sarà utile in ambienti in cui bisogna continuamente sanificare l’aria. Anche con l’aiuto degli oli essenziali l’aria verrà rigenerata in modo del tutto naturale.

Un diffusore di aromi a ultrasuoni non solo sarà di grande aiuto alla salute del nostro corpo, ma contribuirà decisamente anche al nostro benessere mentale. Le essenze sprigionate dagli oli essenziali giungono direttamente all’ipotalamo, la zona del nostro cervello in cui vengono elaborati gli odori. L’inalazione di determinati aromi influenzerà il sistema nervoso. Ogni olio essenziale ha le sue specifiche proprietà, e può essere usato da solo o mixato con altri.

Che cos’è l’aromaterapia?

L’aromaterapia è un ramo della fitoterapia, un tipo di medicina naturale che prevede l’uso di essenze o oli essenziali per scopi terapeutici. Le principali applicazioni dell’aromaterapia sono nel settore della salute e in quello della cosmesi.

L’obiettivo dell’aromaterapia è quello di migliorare il benessere psicofisico della persona.

Nel sistema sanitario italiano per i medicinali fitoterapici da banco vale l’autoprescrizione. I farmaci fitoterapici possono infatti essere acquistati in farmacia e in parafarmacia senza obbligo di ricetta medica.

Quali sono le proprietà terapeutiche degli oli essenziali e quando si usano?

L’uso più conosciuto dell’olio essenziale è quello balsamico – espettorante. Un altro uso molto diffuso è quello nei massaggi.

Ma l’olio essenziale ha molti altri usi.

L’olio essenziale nelle infezioni cutanee agisce da antibatterico e fungicida. Applicazioni di olio essenziale sono state efficaci in casi di reumatismi e artrosi. Alcuni oli essenziali possono svolgere la funzione di anestetico locale.

In molti casi l’olio essenziale è utile nelle infezioni del tratto gastrointestinale.

L’olio essenziale inoltre è un antinfiammatorio, è ottimo per il gonfiore addominale e per la modulazione dell’umore.

Infine l’uso più impensato è di repellente per i topi.

Redattrice, copywriter e graphic designer nel mondo della comunicazione e dei media da più di 15 anni.

Ha redatto e progettato numerose riviste di viaggi e per bambini, ideato e realizzato campagne pubblicitarie, ha pubblicato articoli redazionali sui maggiori quotidiani nazionali.

Scrive sinossi per il cinema e la tv, è ricercatrice per documentari e producer di storie per gli autori.

Videomaker, viaggiatrice, appassionata di arredamento d’interni, elettrodomestici di design, in generale di prodotti di
avanguardia e di tecnologia.

Back to top
diffusoriperambienti.it